L’Associazione

Chi siamo

Dove siamo

Come contattarci

La struttura

 

Attività e servizi

Comunicati

Iniziative programmate

Iniziative dell’ultima ora

Cronache degli eventi

Immagini

Informazioni

Convenzioni

Solidarietà

Fisco e Previdenza

Salute e Benessere

 

Tempo libero

Spettacolo

Lettura

Sport

 

Spazio Acea

Storia

Notizie

 

__________________________

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INIZIATIVE PROGRAMMATE

 

 

 

 

QUESTO SITO NON E’ PIU’ ATTIVO


PER ATTIVITA’ E INIZIATIVE DELL’ASSOCIAZIONE CONSULTARE

 

www.medaglie-doro.it

 

 

 

PROGRAMMA NOVEMBRE 2016 - MARZO 2017

 

 

11 - 18 febbraio 2017

 

 

SETTIMANA BIANCA IN VAL DI FASSA

 

Per la Settimana bianca, diventata ormai un appuntamento irrinunciabile del nostro calendario turistico, proponiamo la stessa località del 2016, che così tanti consensi ha ottenuto da chi ha preso parte all’iniziativa.

Pozza di Fassa in Trentino è uno dei sette comuni della buffaureVal di Fassa, dove si parla ancora il ladino, collegata alle altre valli dolomitiche tramite numerosi e famosi valichi e le cui attività principali sono tutte connesse con il turismo estivo e soprattutto invernale. Pozza di Fassa svolge un ruolo importante in questo particolare settore turistico, perché fa parte dell’area sciistica del Catinaccio-Rosengarten e di quella di Buffaure, collegata quest’ultima con il Ciampac di Alba di Canazei.

Pozza, situata a poco più di 1.300 metri sul livello del mare ai piedi del Catinaccio e dei Monzoni nel cuore della Val di Fassa, è coronata da Cima Undici e Cima Dodici e offre una fantastica vista sulle imponenti ed eleganti Torri del Vajolet.  Paese centro termeideale per gli amanti del relax e della salute, Pozza è un’oasi di benessere e tranquillità per le sue acque termali, particolarmente appropriate per la cura della pelle, che sgorgano a 1.320 metri da una sorgente solforosa, la sola in Trentino. Il Centro Terme Dolomia  di Pozza è quindi un luogo unico dove armonizzare corpo, anima e mente.

Pozza è anche una località ideale per chi ama le Dolomiti: la Val San Nicolò, ricca di caratteristiche baite, è conosciuta da tutti gli appassionati di arrampicata sportiva ed è rinomata meta di escursioni in estate. Tante sono le comode e attrezzate passeggiate di fondovalle, adattissime per le famiglie, e altrettanto numerosi sono gli itinerari in quota, che permettono di addentrarsi nella Valle del Vajolet e dei Monzoni.

In inverno (ed è quello che ora interessa noi) Pozza richiama gli amanti della neve nella rinnovata ski area Buffaure, che vanta una delle piste più lunghe della Val di Fassa: si parte da 2.050 metri e si arriva in picchiata a fondovalle.

funiviaLa salita con la telecabina panoramica del Buffaure regala scorci indimenticabili sul Catinaccio, sul Latemar e sul Gruppo del Sassolungo. Il collegamento con il Ciampac mette a disposizione degli appassionati dello sci oltre 25 chilometri di piste perfettamente innevate e, grazie ad un nuovo impianto, dà la possibilità di raggiungere comodamente la Ski Area Belvedere a Canazei.

torre pozzaPer chi ama la montagna, ma non sa o non vuole sciare, il paese offre molti punti d’interesse: le chiese di San Nicolò (1443) e di Santa Maria Ausiliatrice (1957); la già citata sorgente di acque termali; l’edificio dell’Istituto d’Arte "G. Soraperra" dell’architetto E. Sottsass senior (1941); l’antico mulino ad acqua "L Molin de Pezol” e quello "L Malghier" presso il caseificio sociale, entrambi sezioni distaccate del Museo Ladino di Fassa.

Passeggiando per Pozza è impossibile non vedere la Torre, un austero edificio collocato su un’altura sovrastante il torrente Avisio. Nel passato la Torre, eretta in posizione isolata, aveva la funzione di sorvegliare il ponte e la valle sottostante, all’imboccatura della Val di San Nicolò; ora, invece, fa parte del nucleo urbano. All’esterno dell’edificio sobrie decorazioni ad affresco ed una serie di feritoie ne ingentiliscono la tozza struttura.

Ad un chilometro da Pozza si raggiunge la frazione di Pera di Fassa, il paese natale di Tita Piaz,  detto "Il Diavolo delle Dolomiti": per le sue straordinarie imprese sulle guglie del Catinaccio e delle Torri del Vajolet, dalla gente della zona era ritenuto imparentato con il demonio. Sempre a Pera, nella chiesa di San Lorenzo, si trova uno degli ultimi esempi di altare a portelle (1612), realizzato secondo gli standard compositivi degli altari tardogotici tipici dell’area tedesca.

 

Programma

 

1° giorno:

·         alle 7 appuntamento a piazzale dei Partigiani e partenza con pullman GT

·         pranzo libero in autogrill

·         nel pomeriggio arrivo a Pozza di Fassa e sistemazione nell’hotel Meida (*** superior) per cena e pernottamento

dal 2° al 7 giorno:

soggiorno con possibilità di sciare,  passeggiare, fare shopping ed usufruire del centro benessere e della piscina dell’hotel. Previste due escursioni ancora da definire

8° giorno:

·         dopo la prima colazione in hotel,  partenza per Roma 

·         pranzo libero in autogrill

·         arrivo in serata a piazzale dei Partigiani                                                  

 

Trattamento:                        

mezza pensione con bevande incluse, pensione completa 70 euro in più

 

Quota di partecipazione:

minimo 40 partecipanti)  

Socio e coniuge 530 euro, familiare 540 euro                                            

supplemento camera singola: 15 euro al giorno        

tassa di soggiorno: 1 euro al dì per persona                                                                                                                                                                                          

Prenotazioni e saldo:           

anticipo di 200 euro da subito al 12 dicembre, il resto entro il 15/1/2017                                       

 

La quota comprende:

·         bus G.t. da Roma a Pozza di Fossa andata e ritorno

·         sistemazione in hotel***superior

·         Ingresso gratuito al centro benessere dell’hotel e al centro benessere La Culla Beauty & Spa del residence Anda con piscina coperta

·         colazione a buffet (dolce e salato)

·         tre menu a scelta ai pasti, ricco buffet di insalate e antipasti con bevande incluse

·         animazione pomeridiana per bambini e adulti e animazione serale in taverna

·         convenzione per trattamenti presso le Terme Dolomia e per noleggio sci 

·         possibilità di prenotare lezioni di sci e di abbonamenti skipass direttamente in hotel

·         2 escursioni durante il soggiorno

·         assicurazione medico e bagaglio

La quota non comprende:

·         assicurazione annullamento viaggio (25 euro a persona)

·         mance, extra personali e tutto quanto non specificato a “La quota comprende

 

N.B. In caso di rinuncia a 10 giorni dalla partenza

sarà addebitata una penale di 150 euro a persona

 

val di fassa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Eventuali modifiche organizzative dell’ultima ora

non sono adebitabili all’Associazione

 

 

__________________________________________________________________________

 

CULTURA

 

                       

 

 

 

350 ANNI DI CREATIVITA’

 

Data: sabato 14 gennaio 2017 (da confermare)

Appuntamento: ore 10, Accademia di Francia a Villa Medici            

Ingresso: biglietto, prezzo da definire

 

La mostra rivela l’attività creativa degli artisti dell’Accademia di Francia a Roma durante thumbnail-6379il loro soggiorno nella Città eterna riunendo i lavori di numerosi borsisti che hanno contribuito al prestigio dell’istituzione e dei direttori più celebri.  Oltre 100 le opere esposte realizzate dal 1666 ad oggi, tra le quali quelle di David, Ingres, Fragonard, Debussy, Berlioz, Garnier, Carpeaux e Balthus.  

 

______________________________________________

 

 

CARCERE MAMERTINO E CHIESA DEI SANTI LUCA E MARTINA

 

Data: mercoledì 25 gennaio 2017                                                         

Appuntamento: ore 16, via del Clivio Argentario 1

Ingresso: biglietto, prezzo da definire

 

E’ uno dei più importanti monumenti della storia di Roma. Si racconta che, sotto Nerone, vi furono imprigionati gli apostoli Pietro e Paolo. Il complesso è formato da due ambienti sovrapposti: in basso il Tullianum, luogo di culto a forma circolare risalente all’epoca arcaica e legato ad una fonte sotterranea; al livello superiore il Carcer, a pianta trapezoidale, costruito in epoca repubblicana (IV – II secolo a.C) e ricordato dalle mamertinofonti antiche come luogo di reclusione per i nemici pubblici dell’Urbe in attesa di essere giustiziati. I dipinti (IX - XIV secolo), tornati alla luce durante i restauri, sono il primo documento storico-artistico da riferire alla chiesa di San Pietro in Carcere.

Poi si visiterà la vicina chiesa dei santi Luca e Martina, al cui interno si può ammirare una pala di Sebastiano Conca. Molto bella la cripta, opera di Pietro da Cortona, con due rilievi di Alessandro Algardi. 

 

______________________________________________

 

 

IL MUSEO UNIVERSALE. DAL SOGNO DI NAPOLEONE A CANOVA

 

Data: sabato 11 febbraio 2017                                                          

Appuntamento: ore 14,40 - Scuderie del Quirinale, via XXIV Maggio 16

Ingresso: biglietto 9,50 euro

 

StreamAttributoMediaUna grande mostra per rievocare l’avventuroso recupero dalla Francia di capolavori di grandi artisti italiani, tra cui Raffaello, Tiziano, i Carracci, Guido Reni, Tintoretto e Canova.

L’esposizione è stata allestita nel 2016, a duecento anni dal rientro a Roma dei capolavori artistici e archeologici dello Stato Pontificio requisiti dai napoleonici. Questo episodio fu preceduto e accompagnato dal recupero da parte di altre amministrazioni della penisola di molti degli oltre 500 dipinti che, tra il 1796 e il 1814, nel corso delle campagne militari francesi, erano stati prelevati dai territori italiani, inviati a Parigi e selezionati per essere esposti nel nascente Museo del Louvre.

 

 

______________________________________________

 

 

 

SAN SALVATORE IN LAURO E IL SUO CONVENTO NEL RIONE PONTE

 

Data: mercoledì 1 marzo 2017

Appuntamento: ore 16, piazza San Salvatore in Lauro                     

Ingresso: biglietto, prezzo da definire

 

La chiesa è denominata “In lauro” a causa dal boschetto di alloro che cresceva intorno lauroalla costruzione in tempi antichi. Di origine medievale, fu riedificata verso la metà del 1400.

 Distrutta da un incendio nel 1591, venne ricostruita tre anni dopo su progetto di Ottavio Mascherino. Nell’ampio e luminoso interno è conservata “La nascita di Gesù” di Pietro da Cortona; nell’adiacente convento di San Giorgio si trova un grazioso chiostro rinascimentale.

La visita si conclude passeggiando nei vicoli del rione Ponti.

 

_______________________________________________

 

 

PALAZZO MASSIMO ALLE COLONNE

 

Data: giovedì 16 marzo 2017 (da confermare)                                    

Appuntamento: ore 10, corso Vittorio Emanuele II 141

Ingresso: biglietto, prezzo da definire

 

Risultati immagini per palazzo massimo alle colonne orariE’ il capolavoro di Baldassarre Peruzzi che costruì l’edificio dove un tempo sorgevano le quattrocentesche case della famiglia Massimo, distrutte nel sacco di Roma del 1527. La facciata convessa del Palazzo ricalca la cavea dell’Odeon di Domiziano, teatro per le audizioni musicali. I lussuosi interni sono impreziositi con pregevoli affreschi, statue classiche, mobili ed arazzi di notevole fattura.

 

____________________________________________

 

 

CATACOMBE DI DOMITILLA

 

Data: mercoledì  29 marzo 2017                                                              

Appuntamento: ore 16, via delle Sette Chiese 282

Ingresso: biglietto intero 8 euro, ridotto 5 euro

 

catacombe domitillaTra i cimiteri più vasti della Roma sotterranea, queste catacombe originano da sepolcreti scavati in terreni donati ai suoi liberti da Flavia Domitilla, nipote di Tito Flavio, console nel 95 d.C.,  ed imparentata con la famiglia dell’imperatore Vespasiano.

Tramite una scala, rifatta in età moderna, si accede ad una  piccola basilica in muratura dedicata ai santi Nereo e Achilleo, martirizzati da Diocleziano, i cui corpi furono deposti in una cripta trasformata alla fine del IV secolo da Papa Damaso in edificio di culto. Vi sono visibili diversi dipinti del III e IV secolo, tra i quali spicca quello dell’Epifania raffigurante i Re magi che si avvicinano alla Vergine con il Bambino.

 

________________________________________________________________________

 

_________________________________________________________________________

 

 

 

--------------------------------------------

 

 

                                                                                           

  

 

 

 

 

___________________________________________________________________________

 

 

 

 

_______________

 

 

 

 

 

 

_______________